Consigli e Guide di ViaggioEmirati Arabi

Oman, la Svizzera del Golfo Persico

Oman, la Svizzera del Golfo Persico

Una crociera nel golfo persico che faccia scalo in Oman, offre un valore aggiunto davvero inestimabile.
Se siete rimasti colpiti dagli altri paesi del golfo per la loro architettura avveniristica e per quanto di più moderno e futuribile possiate trovare, qui farete un tuffo in una realtà che nulla ha a che fare con città costellate da grattacieli e mega centri commerciali.
L’Oman è stato spesso definito, a ragione, come l’anti-Dubai, a voler significare che qui non si è voluto creare un paese volto a stupire con costruzioni sempre più impossibili e da Guinness dei Primati, ma si è invece puntato a riscoprire la bellezza dell’arte e a integrare i monumenti con quello che è il paesaggio naturale, senza alterarlo, ma invece arricchendolo e rendendolo degno di uno scenario da mille e una notte.
Il cambiamento epocale di questo paese è avvenuto nel 1970, quando è salito al trono il sultano Qaboos, che ha detronizzato il padre.
Uomo raffinato e molto colto, ha studiato in Inghilterra e tornato in patria ha deciso di iniziare un cambiamento che ha trasformato un paese arretrato e con un livello di scolarizzazione davvero basso, in una moderna nazione dove la cultura ha un piano di spicco e le scuole e le strutture sanitarie sono completamente gratuite per tutti gli abitanti. Tutto questo ha valso alla nazione il soprannome di Svizzera del Golfo Persico.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico
Il porto di Muscat

Pur essendo un paese mussulmano, l’Oman non risente del rigore integralista degli altri paesi dell’area e negli ultimi anni si è trasformato in un vero e proprio paradiso turistico.
E’ da poco deceduto, nel mese di Gennaio 2020, il Sultano dell’Oman. In mancanza di eredi diretti gli è succeduto il cugino Haitam, che ha assicurato una linea di continuità con la politica del precedente sultano.
L’Oman è un paese molto tranquillo e sicuro, non avrete problemi a girare per conto vostro, l’unica precauzione è quella di adottare un abbigliamento decoroso e adeguato, soprattutto in caso visitiate delle moschee.

Muscat

Muscat o Mascate, è la capitale dell’Oman è uno dei porti di scalo principali. Nel caso la vostra crociera preveda una tappa in questa città avrete la possibilità di scegliere escursioni tra diverse escursioni.

La visita della città 

Muscat è una località che vale davvero la pena di essere visitata e potete tranquillamente optare per un fai da te, l’inglese è praticamente parlato ovunque.
In questo caso sarà necessario, una volta sbarcati, contattare uno dei tanti tassisti che troverete in porto, che propongono un tour della durata di circa 4 ore alla scoperta delle principali attrazioni della città.
Il pagamento può essere effettuato anche in euro, quindi non avrete il problema di cambiare in valuta locale. Contrattate sempre sul prezzo e specificate bene le tappe che volete visitare.

La Moschea del Sultano Qaboos è la prima tappa da fare in quanto è aperta al pubblico solo al mattino dalle 8.30 alle 11, escluso il venerdì giorno in cui è solo accessibile ai fedeli.
Circondata da bellissimi giardini, che vi incanteranno per il loro ordine e per la precisa e curata disposizione, ha un interno davvero grandioso dove spicca un enorme lampadario di cristallo Swarovski.

Al suo interno è inoltre possibile ammirare il secondo tappeto più grande al mondo, per tesserlo è stata necessaria l’opera di 600 donne in un periodo di di 4 anni di lavoro.
Per accedere alla moschea è necessario che le donne abbiano i capelli, le braccia e le gambe completamente coperte.
L’Oman è un paese molto ospitale e tutti sono ben accetti nella Moschea, anzi all’interno dei giardini vi verranno offerti, in segno di ospitalità, datteri e tè e materiale informativo.

Il Royal Opera House è considerato uno dei 10 migliori teatri al mondo, sia per bellezza che per acustica. Voluto dal lungimirante Sultano in carica che ha visto nella cultura il mezzo più efficace per modernizzare e rivalutare il proprio paese, ospita sempre una programmazione di alta qualità.
E’ un capolavoro di architettura moderna, che vi colpirà già dall’esterno con i suoi marmi levigati e brillanti, che spiccano nella cornice di un cielo blu cobalto. Gli interni sono maestosi ed è possibile visitarli gratuitamente.

Il Palazzo Reale Al Alam è il palazzo di rappresentanza del sultano e ospita gli uffici governativi. Può essere ammirato solo dall’esterno, ma vale la pena fare una passeggiata lungo il viale che lo circonda, per godere della visione dei bellissimi giardini, dell’imponente cancellata e della costruzione, risalente agli anni 70.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico
Il Palazzo Reale di Muscat

Le fortezze portoghesi di Al-Jalali e di Al-Mirani, sono, come il palazzo reale, nella zona vecchia di Muscat e risalgono all’epoca della colonizzazione portoghese, quando Muscat era uno dei principali porti per il commercio delle spezie tra oriente e occidente.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico

La Corniche è la bellissima passeggiata lungomare dove si trova un monumento davvero singolare che rappresenta un grande incensiere.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico

Di fronte si trova il vecchio quartiere di Muttrah, ricco di edifici risalenti all’epoca della dominazione portoghese, tra i quali spicca una bella moschea sui toni dell’azzurro, che però non è aperta al pubblico.
Sempre in questo quartiere, che è il più vicino al porto dove attracca la nave, si trova il suoq, dove è possibile acquistare artigianato del luogo e i prodotti tipici come spezie, profumi e datteri.

Tour dei forti e dei castelli

L’Oman è sempre stato un importante crocevia tra Oriente e Occidente e per questo motivo ha dovuto, nel corso dei secoli, difendersi dalle invasioni, costruendo forti e castelli.
Da Muscat è possibile raggiungere in un’ora e mezza circa. Il forte di Nizwa, uno dei più importanti dell’intero stato, risalente al XVIII secolo.
E’ caratterizzato da un’enorme torre circolare e stupende porte di legno intagliate. E’ possibile visitarlo anche all’interno e godere dalla sommità dello stupendo paesaggio che si distende ai suoi piedi.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico
Francisco Anzola [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)]
Il castello di Nakhal, si trova nella regione del Batinah, e il suo nome deriva da una parola che tradotta significa “palma da dattero”.
Questa fortezza costruita su una roccia, risale al periodo preislamico ed è stata sapientemente ristrutturata.

Oman, la Svizzera del Golfo Persico

Nelle immediate vicinanze si trovano le fonti termali con acque sulfuree la cui temperatura raggiunge i 45 gradi.

Khashab

Altro scalo delle crociere che toccano l’Oman è il porto di Khasab, la principale città della penisola del Musandam.
In questo porto la nave non attracca, ma scenderete a mezzo lance.La principale attrazione della zona sono i fiordi e l’avvistamento dei delfini.
Il mezzo migliore è una crociera in Dhow, l’imbarcazione tipica araba.
Potete prenotare il tour con la nave, in questo caso partirete direttamente dalla nave e vi imbarcherete sul Dhow, oppure potete optare per il fai da te e una volta scesi dal tender acquistare una delle tante escursioni proposte dai locali.

I fiordi omaniti sono un vero spettacolo della natura, dalle pareti ripide che terminano in un mare turchese con fondali corallini in cui poter anche fare snorkeling.
Non a caso questa zona viene definita anche “la Norvegia d’Arabia” e un valore aggiunto notevole è dato dai delfini che numerosi popolano la zona.

Per tutti i tour in Oman potete, oltre che affidarvi a quelli proposti dalla nave, scegliere il fai oppure optare tour operator specializzati che vi guideranno in questo stupendo paese. Noi vi consigliamo i tour in lingua italiana proposti dall’agenzia Azal Travel&Tourism

Licenza Creative Commons” style=
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

Cinzia Marchisio
Cinzia Marchisio
Appassionata di viaggi da sempre, sostiene che viaggiare fa parte del proprio corredo genetico ed è un difetto che non puoi fare a meno di assecondare. Ha girato tutti i continenti in ogni modo possibile e negli ultimi anni predilige i viaggi in crociera, abbinati a soggiorni e tour. Ha all’attivo oltre 600 giorni di crociera e incalcolabili (solo perché non le ha mai contate) ore di volo. Tra le altre passioni, la lettura, le serie televisive USA e British, la storia, specie quella egizia e medioevale e il cibo come stile di vita, perchè il viaggio per essere completo va assaporato con tutti i sensi e bisogna assimilare gli usi e costumi locali per poterli comprendere.
Lascia un commento